Il coltello che mi ha ucciso

Standard

Anthony McGowan


Il coltello che mi ha ucciso è un coltello che davvero non volevo tenere. E’ un regalo, il regalo di un ragazzo dagli occhi pieni di tenebra, violento nelle azioni nell’animo; è un regalo che mi separa da un altro ragazzo, pulito e sincero, che mi ha accolto nel suo gruppo, mi ha portato a casa sua, ha riconosciuto qualcosa in me, in me che da anni tengo bassi gli occhi, e cerco di fondermi con le pareti, il pavimento, non permettendo che niente mi tocchi o mi coinvolga in una scuola dove tuttto è pericolo.

____________________

Rizzoli Oltre si conferma una collana dai toni forti e dalle tematiche difficili, lontane dalla bannalità di un bianco o nero che affosserebbero la discussione. Ci sono solo chiaroscuri in questa storia di maturazione, violenza, scelta: scelta tra l’azione e l’ignavia, la pace e la guerra, alla scoperta definitiva di chi si vuole essere. Anche se, a volte, non c’è possibilità di scelta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...