Miss Buncle’s book

Standard

D. E. Stevenson

Miss Barbara Buncle ha un problema: la sua rendita è sempre inferiore, le galline non pensa di poterle allevare, e nemmeno tutte le economie delmodno riescono a permetterle di mantenere nel decoro Tanglewood Cottage – nè sostituire margarina al burro, nè abbassarsi al tè più scadente, nè rinunciare a un cappotto o un cappello nuovo (e, sia detto, Miss Buncle ha davvero bisogno di un nuovo cappello…!)

Le salva la vita Disturber of the peace, il bestseller che tutti in Inghilterra vogliono leggere, la vicenda di cui tutti parlano, la satira acuta e intelligente (o perversa e irriverente? Le interpretazioni critiche discordano…) della vita di campagna in un villaggio inglese: Copperfield.

Il bestseller che Barbara Buncle ha scritto, che le è stato fortunosament e pubblicato, e che ha scatenato la caccia all’uomo nel sonnolento villaggiodi Silverstream, dove vive da sempre.

Perchè Miss Buncle è tragicamente priva di fantasia, e nel suo romanzo non ha fatto altro che parlare di quel che vede ogni giorno, svelando sotto falso nome (ma anche qua, nomi che richiamano chiaramente gli originali…) le meschinità, le stravaganze e le miserie degli abitanti di Silverstream – che ora vogliono vendetta.

Un classico misconosciuto e delizioso: le vicende deliicate e divertenti degli abitanti di Silvertream e la rinascita di Miss Buncle mi hanno ricordato quell’incantevole commedia (inglese anche questa, anni Trenta anche questa) di Miss Pettigrew lives for a day: la stessa sottile ironia, umana comprensione, acuta resa dei personaggi.

Fa piacere vedere che di tanto in tanto qualche editore illuminato (in questo caso Sourcebook, che ringrazio per avermi fornito una ARC e avermi permesso di recensire questo romanzo) pensa a riproporre romanzi deliziosi e caduti nell’oblio; spero caldamente che le avventure di Miss Buncle siano solo l’avanguardia della ripubblicazione di tutti i romanzi dell’autrice

Annunci

Una risposta »

  1. Pingback: Miss Buncle’s book – commento | Al peggio non c'è mai fine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...