La tela di Carlotta

Standard

E.B. White

Il tenerissimo triangolo tra il candido (in senso fisico e spirituale ^^) porcellino Filiberto, la saggia ragnetta Carlotta e la dolce bambina Fern è l’unico che non mi irriti nella letteratura per ragazzi: anche se è davvero un triangolo amoroso, perché tutti i lati sono costituiti dall’affetto e dall’amicizia che lega i tre abitanti della fattoria, e che li aiuta a superare i momenti più difficili.

Ma La tela di Carlotta non è un grande romanzo per quello: è un grande romanzo perché gli animali non sono umanizzati, sono comunque animali; e perché il ciclo della Natura, la morte che si lega alla vita generandola, non viene stravolto a scopi buonistici o didattici.

E non si gioca con la commozione del lettore: quando il magone arriva è sincero, e meritato da un romanzo che è una lezione sulla vita e sulla morte.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...