The screaming staircase

Standard

Jonathan Stroud

 

Sono passati cinquant’anni da quando il Problema si è manifestato nelle Isole Britanniche: un’infestazione di fantasmi di ogni genere, molesti e pericolosi, rende la vita difficile agli abitanti. Da allora molti progressi sono stati fatti: le città ridisegnate per tenerli il più possibile alla larga con canalette d’acqua corrente, strutture in ferro e argento e fumi di lavanda, e agenzie specializzate nella disifnestazione che utilizzano, però, solo ragazzini: gli unici a poter vedere e sentire i Visitatori, un talento che si perde con l’età.

Anthony Lockwood, quindicenne, dirige una di queste agenzie: non ci sono adulti a dirigere il suo lavoro o quello di Lucy e George, i suoi dotati impiegati.

Anche se, c’è da dire, qualche piccolo effetto collaterale si rileva nei loro interventi…

Nonostante i miei dubbi (e il lutto per Bartimeus e Nathaniel) Stroud non delude: personaggi ben caratterizzati (e non parlo solo dei tre protagonisti, che pure rifulgono di luce propria), un world building eccellente, dettagliato e credibilissimo (una nuova Londra, anche se non vittoriana come quella nella trilogia di Bartimeus), e una storia perfettamente costruita con tocchi giallo e  horror che danno un piacevole senso di novità.
Il talento per l’horror che aveva già mostrato in La valle degli eroi non era infatti un risultato fortuito: alcune scene sono veramente inquietanti, e credo che l’immagine della Camera Rossa rimarrà con me a lungo.
Aspetto trepidante i prossimi casi della premiata ditta Lockwood & Co. – anche se non sono del tutto sicura che mi affiderei a loro la disinfestazione di casa mia: troppi libri e fumetti (materiale ALTAMENTE infiammabile XD) a cui tengo.

Due chicche per voi: il primo capitolo di The screaming staircase, e un’intervista all’autore sulla nuova serie. ^^

The screaming staircase è uscito ieri in America (e qualche settimana fa in UK e Germania – speriamo che arrivi sui nostri scaffali al più presto 🙂 ); ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

Annunci

»

  1. Pingback: Il meglio del 2013 | La città dei libri sognanti

  2. Pingback: The whispering skull | La città dei libri sognanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...