Love letters to the dead

Standard

Ava Dellaira

Sono stata attratta da due cose, ne richiedere questo romanzo: la forma epistolare (credo si sia capito che mi piace moltissimo) e la favolosa copertina (lo so, dovrei essere più saggia, ma ogni tanto ci sta). L’originalità di un diario in forma di lettere dirette a morti famosi, con cui interloquire e dalla cui vita prendere esempio nel dipanare un lutto profondo come quello per una sorella magnifica e una famiglia ormai disgregata dalla disgrazia che le è accaduta, un gruppo di confidenti famosi a cui descrivere il passaggio alle superiori. le nuove amicizie, la prima cotta mi piaceva molto; ma alla fine non ha funzionato più di tanto per me. La scrittura è piacevole (non straordinaria, ma corretta e scorrevole), Laurel e i familiari personaggi credibili, ma nel complesso mi annoiavo. Sarà il periodo sbagliato, sarà che non ne posso più di adolescenti alle prese con lutti e famiglie sfasciate e sorelle meravigliose e coraggiose che non ci sono più. Ma davvero, sono satura. E mi spiace. Conto di provare a prenderlo in mano in un momento più favorevole, ma la sensazione di noia diffusa, purtroppo, non mi perette di consigliarlo di cuore come avrei voluto; un peccato, perché il margine di crescita ed esplorazione del personaggio c’è tutto, come una piacevolezza stilistica indubbia, e la possibilità di far esplorare ai ragazzi personaggi che hanno lasciato un segno nella storia, che sia musicale, artistica o altro.

Love letters to the dead è uscito ieri in America; ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...