Missing Jack

Standard

Quando ero bambina ho imparato che l’unico difetto degli animali è che non vivono quanto noi: se ne vanno prima, e ancora oggi non riesco a farmene una ragione: guardo i miei compagni baffuti e mi preparo – solo un po’, e per il poco che si può – al momento in cui li dovrò salutare.

Ma li ricordo tutti, quelli che mi stanno aspettando altrove, che siano rimasti con me poche settimane o anni: perché ogni gatto e ogni cane (e tutti gli altri animali, sono sicura, ma questi sono stati i miei compagni) ha una sua personalità e le sue manie, e ognuno mi ha amato ed è stato amato in modo diverso.

E questo è quello che scopre Toby, il protagonista di questo delicatissimo volumetto: che il suo gatto Jack non ha potuto restare con lui per sempre, ma per sempre verrà ricordato – perché era il gatto più fantastico mai vissuto. Ma anche che, oltre al dolore, c’è posto per altro amore: e che  i nuovi amore non cancellano il ricordo dei vecchi.

Un volume adorabile, che con poche parole, bellissimi disegni e tanta sensibilità fa scoprire ai bambini la realtà della morte, e la possibilità di andare avanti nonostante tutto.

Ringrazio l’editore per avermi concesso  la copia necessaria alla stesura di questa recensione, e mi auguro che i libri di Rebecca Elliott arrivino al più presto anche in Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...