The curious tale of the Lady Caraboo

Standard

Catherine Johnson

Io adoro le storie vere che sembrano  uscite da romanzi – o meglio, che sarebbero considerate troppo incredibili per un romanzo (Charlotte de la Force che si traveste da orso per vedere il marito prigioniero della famiglia di lui, la vicenda del Cavaliere d’Eon,  le vicende di Aimée de Rivery…) . Questa è una di quelle storie:

Un giorno di primavera del 1817 un uomo incontrò una giovane donna che vagava sulla strada di Almondsbury, nel Gloucestershire; la ragazza vestiva abiti esotici e parlava una lingua sconosciuta, brandiva arco e frecce, adorava il sole – come scoprì chi si prese l’incarico di ospitarla. Fece capire di chiamarsi Caraboo, e di essere la principessa di un’isola nell’Oceano Indiano.

Solo dopo esser stata coccolata, ammirata, riverita, studiata e accreditata da esperiti per dieci settimane saltò fuori che si chiamava Mary Hillcocks ed era figlia di un ciabattino del Devon.

Sono rimasta deliziata dalla scoperta della vicenda di Caraboo, e quando ho avvistato un romanzo che prometteva di raccontare i due mesi dell’esistenza della Principessa l’ho richiesto immediatamente.

A una settimana dalla lettura non riesco a capire come l’autrice sia riuscita a produrre trecento pagine di noia assoluta a partire da una storia così affascinante. O.O

Saranno stati i personaggi stereotipati (l’aristocratica vanesia ma gentile, il fratello egoista ma affascinante che deve scoprire l’ammmmore, il plebeo intraprendente, la protagonista traumatizzata)? le vicende prevedibili (quando si manifesta l’insta-love tra la sciocca, altera aristocratica e l’attraente garzone di locanda mi stava scattando la violenza…)? i dialoghi senza sale? la ricostruzione storica di cartapesta (non è che un po’ di mussola e qualche cavallo bastano a evocare la Reggenza…)? Un frullato di tutte queste poco raccomandabili caratteristiche?

Per citare Kuzco*, “Non so e non m’importa”: rimane la delusione di vedere degli eccellenti ingredienti lievitati in una torta secca e scipita.

The curious tale of the Lady Caraboo uscirà in America il 2 luglio; ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 😉

*Chi non ha  visto Le follie dell’imperatore della Disney rimedi ora.

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...