Ash

Standard

Malinda Lo

Un romanzo che è come l’acqua fresca: va giù senza che te ne accorga, ma non ti lascia alcun sapore in bocca.

Lo presentano come un retelling di Cenerentola con un twist lesbo: e va bene. Il retelling c’è pure (e si mantiene il livello di analisi psicologica dei personaggi presente nelle fiabe: ossia nullo), ma l’amore fra le due ragazze non è problematizzato né analizzato: non si capisce nemmeno se, nel mondo in cui si muovono, l’amore omosessuale sia accettato o condannato.

Molto belle le leggende e le descrizioni di tradizioni e influssi fatati: ma anche là, lasciato pendere giusto per avere un impedimento che viene peraltro risolto con uno starnuto.

Piacevole, scritto pianamente (ma senza guizzi stilistici), si legge senza accorgersene, al massimo con un po’ di noia; e perlomeno io ero così disinteressata ai personaggi che non vedevo l’ora di passare a qualcosa con più carne e sangue.

Annunci

»

  1. “e perlomeno io ero così disinteressata ai personaggi che non vedevo l’ora di passare a qualcosa con più carne e sangue.”
    E infatti questo libro era cenere! (scusa la battutona di dubbio gusto) 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...