Didone, per esempio

Standard

Mariangela Galatea Vaglio

L’idea, diciamocelo, non è nuova: sono più di vent’anni che i miti greci e romani raccontati in tono ironico da Luciano De Crescenzo bazzicano le italiche librerie, e il linguaggio da chiacchiera dalla parrucchiera di Mariangela Galatea Vaglio non contribuisce certo a rinfrescare un’idea comunque vecchiotta – anzi, a mio gusto l’ho trovato irritante in principio,e  stancante sulla lunga distanza.

Ma la vera novità, quella che rende il libro meritevole di dedicarci qualche serata, magari centellinandolo per fissare meglio nella memoria personaggi e vicende ed evitare la stanchezza da accumulo, sono i ritratti dei personaggi storici romani e greci: vite spesso diversissime fra loro, talora entrate nella leggenda o nel luogo comune, talora nell’oblio, che l’autrice riesce comunque a presentare con brio, seguendo l’Impero Romano dalla fondazione fino alla caduta tramite le vite di uomini e donne che, nel bene e nel male, ne  hanno influenzato le sorti.

Diversi i personaggi, soprattutto femminili, che non conoscevo: e le pennellate vivide con cui l’autrice riesce a dipingerli, una volta abbandonato uno stile troppo caciarone, contribuiscono a evocare epoche e vicende davvero troppo trascurati.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...