Un polpo alla gola

Standard

16007365

Zerocalcare

Che cos’è quel peso sul petto, quel nodo che ci impedisce di respirare liberamente, quel bagaglio che ci sembra di portare sempre sulla schiena, come lo zaino di libri delle medie?

Può dari che sia il senso di colpe, un polpo gigantesco che ci soffoca.

Una cattiva azione mai scontata, un dolore inflitto, una vigliaccheria custodita per anni, che cresce con noi e non viene dimenticata: forse assimilata, appesantendoci giorno dopo giorno.

E’ questa la geniale immagine che mette in campo Zerocalcare nella storia che fin’ora ho amato di più: una storia di infanzia e crescita, delle piccole crudeltà che segnano noi e gli altri da bambini e di cui non riusciamo a liberarci, perché in un modo o nell’altro ci modellano, intrecciati in una storia compatta e coerente, sostenuta da tavole splendidamente disegnate e organizzare.

Se non l’avete letto – o se siete vissuti (beati voi!) fino a oggi in un atollo corallino della Micronesia, e non avete sentito parlare di Zerocalcare – correte ad accattarvelo: non vi deluderà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...