Archivio dell'autore: librisognanti

Noir

Standard

20169644

Lucasz Bogacz & Wojciech Stefaniec

Due fratelli, una donna, un tradimento.

La lucida discesa nella follia di un marito tradito doppiamente, intrappolato nel dolore e nel mondo cupo, nichilista dei romanzi noir che scrive, in una spirale di morte che vede come inarrestabile trama della propria vita.

Si aggiunge alla trama un’arte sporca, carica di ombre: oscuro il titolo, oscura la vicenda, oscura la pagina.

Una lettura non originalissima, ma che svolge con efficienza il compito di aprire una finestra sulle ombre dell’animo umano.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Annunci

Muhammad Ali

Standard

41060036

Isabel Sanchez Vegara

Il ritratto di un campione, che fu campione non solo sul ring ma anche nella scelta  di opporsi a una guerra, quella del Vietnam, che riteneva ingiusta, perdendo la sua posizione e la stima di molti. ma non il rispetto di se stesso e di quello in cui credeva.

Il primo volume al maschile di questa meravigliosa serie è dedicato a Muhammad Ali, nato Cassius Clay; e non potevo non appropriarmene immediatamente.

Mio padre, da piccola, mi raccontava la storia della boxe, e anche se non ho mai visto un incontro, né dal vivo, né in tv, conosco l’incontro di Kinshasa come se avessi assistito dagli spalti.

Un grande atleta, e un ricordo caro: come non tenermi caro questo volume?

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Disney’s Orgoglio e pregiudizio

Standard

1wtopo32920

Credo sia ormai nota la mia diffidenza verso tutti gli adattamenti dei classici che amo – sopratutto di Jane Austen e dell’amata Charlottina Bronte.

Ma quando l’adorabile Georgiana mi ha segnalato una rivisitazione Disney di Orgoglio e pregiudizio con protagonisti paperi, ho però saputo subito che non avrei saputo resistere: e ho fatto bene, perché mi sono trovata davanti a un adattamento certo non impeccabile, ma disegnato meravigliosamente, pieno di trovate brillanti (come quella di Jane Austen che racconta la  sua storia a Martha Lloyd, l’amica di sempre), e fedele nello spirito all’opera.

Qualcuno potrà criticare i cambiamenti principali (Lady Catherine de Bourgh sostituita da Zio Paperone – io, quando ho visto il Deposito in versione  Regency, ho riso dieci minuti XD, il signore e la signora Bennett sostituiti da Nonna Papera e Brigitta) ma io li ho trovati un adattamento intelligente che ha permesso di tenere in scena più abitanti di Paperopoli possibile.

Un trionfo di ironia e amore per un classico che non passa mai di moda: imperdibile. ❤

Nota: Orgoglio e pregiudizio in versione Disney è uscito sui numeri 3292, 3293 e 3294 di Topolino. Spero, però, che verrà racconto in volume come i classici precedenti. 🙂

Kingdom of needle and bone

Standard

40116794

Mira Grant

Viviamo in un’era di meraviglie. Viviamo in un’era di mostri. Viviamo in un’era di eroi.

Ma mostri ed eroi, spesso, hanno la stessa faccia.

Sopratutto quando l’umanità è in pericolo, e i confini etici bene e male sono nel migliore dei casi sfumati, nel peggiore irriconoscibili.

Quando una versione evoluta del morbillo inizia a mietere vittime, favorita anche dalla diffusione dei movimenti antivaccinisti e dalla conseguente erosione dell’immunità di gregge, tutto quello che il mondo credeva viene messo in discussione.

Quando si scopre che nessun vaccino è efficace per prevenirlo, e altre malattie che si pensavano scomparse aggiungono morti ai morti, scoppia il panico.

E qualcuno decide che è necessario proteggere quella parte di umanità che, miracolosamente non sfiorata dalle epidemie, ha qualche chance di sopravvivere e prosperare.

Nessuna scelta è facile quando in gioco c’è la salute della razza umana.

Nessuna scelta è troppo estrema.

Un distopico inquietantemente, ferocemente radicato nella realtà attuale, che non si trasforma però – e sarebbe stato facile! – in un semplice manifesto a favore dei vaccini, ma scava nell’animo di ogni controparte, analizzando e ribaltando le posizioni pro e contro, presentando ed estremizzando le sfaccettature etiche di ogni scelta – e l’opportunità stessa di avere una scelta.

Spietato, brillante, profondo: un racconto da leggere e meditare – dopo essersi vaccinati, e aver fatto vaccinare i propri bambini.

 

La principessa e la cacca di mammut

Standard

122c273fe28c492e908ed1e5972a2731-G2V7ZMPL

Maria Loretta Giraldo

A chi possono rivolgersi genitori regali di un regno di fiaba, quando in pena per la loro adorata figlia, principessa delle fiabe?

Ma alla fata madrina, chi altri!

E se il problema è che per la principessa (Albadoro, nello specifico) tutto è sporco, tutto è cattivo, tutto puzza, cosa c’è di meglio che reclutare un principino, il suo bianco destriero e tramutarlo in un mammut – tanto per cominciare?

E iniziare un percorso di antischifiltosità a base di cacca – una cacca gigantesca, una cacca di mammut!

Un racconto pieno di ironia, che gioca con i topoi della fiaba creando un divertissement che piacerà tantissimo ai bambini di ogni età. 🙂

A boy and an egg

Standard

43444499

Ellen DeLange & Martina Heiduczec

Una ragazzino trova un uovo.

Non sa niente, se non che va tenuto al caldo – e che ne uscirà un amico meraviglioso.

Sarà un dinosauro? Sarà uno struzzo? Sarà una tartaruga marina?

Oppure…

Una storia deliziosa, che affronta le aspettative, le delusioni e il rendersi conto di quanto meravigliosa può risultare un’aspettativa disattesa. ❤

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

La mucca Carlotta cerca un tesoro

Standard

download

Alexander Steffenmeier

Arriva un pacco misterioso alla fattoria, e la fattoressa (? OO non so come si dica…) si chiude subito nel fienile con attrezzi e il suo contenuto.

Ma qualcosa rimane fuori: un misterioso foglietto che subito – allo sguardo attento della Mucca Carlotta – si rivela per quello che è: una mappa del tesoro!

Carlotta e i suoi amici si lanciano quindi all’avventura – e se capita di fare qualche danno scavando nell’orto, che ci vuoi fare…!

E niente, io non posso far altro che ribadire il mio sfrenato amore per la Mucca Carlotta, e la mia sincera speranza di non incontrare mai il suo equivalente in carne e ossa. XD

Sparrow Hill Road

Standard

17666976

Seanan McGuire

Rose Marshall. Bionda, graziosa, ama le automobili. Veste di verde.

Ha sedici anni. Li ha avuti per sessant’anni. Li avrà per sempre.

La chiamano in molti modi: il Fantasma del Ballo Scolastico o l’Autostoppista Fantasma sono i più noti.

Si dice che sia morta in un incidente, correndo dal suo innamorato, per danzare con lui nella palestra della scuola.

Si dice che causi incidenti. Si dice che eviti incidenti.

Come Peter Pan, accompagna chi è appena morto su una delle infinite strade d’America, perché non si perda, perché non abbia paura.

Perché il suo spirito non venga catturato da uno dei mostri che popolano il Crepuscolo.

Magari dallo stesso mostro che ha ucciso lei, una notte di sessant’anni fa.

Si chiama Rose Marshall, e questa è la sua storia.

Sua, dei suoi amici, dei suoi nemici, e di un confronto troppo a lungo rimandato.

____________________________________

Questo è il primo romanzo che ho letto di Seanan McGuire, e quello che me ne ha fatto innamorare.

Un mondo complesso e coerente – quello degli spiriti; una vicenda appassionante, che si sonda negli anni; personaggi credibili e intelligenti,a  partire dall’innarrestabile Rose.

E un cattivo che, per una volta, è veramente cattivo.

Si aggiunga uno stile brillane, complesso, raffinato, e una buona dose di ironia, e per me il romanzo perfetto è servito.

Bon appetit!

 

La principersa

Standard

19a85421b9c44ec19c525fc98431cfe275185z-RCWU93T2

Silvia Roncaglia

Una principessa entra in un bosco, e non trova più la strada del suo castello.

Cos’è quindi? Una PrinciPERSA.

Vaga e vaga, e un brutto, perfido, puzzolente gigante la cattura: è una PrinciPRESA!

Il gigante vole sposarla, e per costringerla a cedere la mette a pulire il suo untissimo covo: è una PrinciSPAZZA!

Cambia cambia il nome, cambia cambia la Principessa: muta e si adatta, fino a  trovare il suo vero nome – e una identità tutta sua, non di libri, non di fiabe, non data da altri: sua, solo sua.

Una fiaba divertente, che insegna anche, con ironia e gusto della parola, a conoscere sé stessi e a non lasciare che qualcuno ci definisca.

Bright we burn

Standard

36356595

Kiersten White

Lada, Principe di Valacchia.

Mehmed, Sultano, Signore dell’agognata Costantinopoli.

Loro hanno ottenuto quello che volevano – o credevano di volere.

Radu. Fratello e amico. Diplomatico. Traditore.

Non ha nulla di quello che desidera – sopratutto l’affetto delle due persone più importanti per lui, i due amici/nemici della sua infanzia.

Ma mentre infuria il gioco del trono, e Lada e Mehmed giocano alla guerra con vite vere e territori reali come pedine, Radu dovrà decidere che cosa (chi, sopratutto) essere.

Un finale cupo e ricco, che conclude degnamente una trilogia in cui non ci sono assoluti, solo le sfumature oscure dell’animo dei protagonisti.

Meraviglioso.