Archivi categoria: dai dodici anni

Grayling’s song

Standard

26312968

Karen Cushman

Quando Hanna Strong; fattucchiera e guaritrice, inizia a trasformarsi in un albero dopo che la sua casa è stata bruciata da un incendio magico e il suo grimorio rubato, solo la figlia Grayling può salvarla.

Ma per salvarla deve raccogliere il suo coraggio e lasciare la vita tranquilla e sicura nella valle, incamminandosi per il mondo alla ricerca di streghe e stregoni che ancora non abbiano subito la stessa sorte di Hanna, armata solo di qualche pozione, la sua conoscenza delle erbe e le canzoni che le vengono dal cuore.

Presto si uniscono a lei un topo mutaforma, una strega del tempo, un’incantatrice, un’apprendista lamentosa e un mago che legge il formaggio: scalcinata combriccola che nasconde molto più di quello che dà a vedere.

Un tocco di magia differenzia questo nuovo delizioso romanzo di Karen Cushman dai purissimi romanzi storici precedenti. Ma non cambia l’attenta ricostruzione di una realtà contadina, né la delicata attenzione a una storia di crescita e maturazione.

Un altro piccolo gioiello.

Vincent il matto

Standard

22064063

Luiz Antonio Aguiar

Camille Roulin è solo un ragazzino quando nella sonnolenta cittadina provenzale di Arles arriva da Parigi un pittore dai capelli rossi e i modi strani, alla ricerca dei colori del Sud: il suo nome è Vincent van Gogh, e mentre i suoi modi stravaganti gli guadagnano subito l’antipatia e la derisione degli arretrati abitanti del paese, la sua sincerità, la sua dedizione a un nuovo modo di dipingere e la sua ingenuità conquistano immediatamente il padre di Camille, che ne diventa amico e lo coinvolge sempre di più nella vita della propria famiglia.

Inizia così l’ultimo anno di van Gogh, e la scoperta della grande arte moderna da parte di una famiglia umile ma piena di cuore, che impara a vedere il mondo attraverso gli occhi pieni di colori del timido uomo con i capelli rossi.

Bellissima, sentita biografia dell’artista visto da un ragazzino, è un modo meraviglioso e semplice di introdurre i bambini ai drammi dell’animo e alla spettacolare produzione di un uomo che ha aiutato a gettare le basi della pittura contemporanea.

Anya’s ghost

Standard

9615347

Vera Brosgol

Anya è intelligente, irritabile, ribelle, sempre a dieta: farebbe di tutto per fondersi con i ragazzi della scuola, per far dimenticare le sue origini russe e l’essere sovrappeso, per integrarsi, per trovare amici.

Emily è amabile, socievole, amante della moda e dei ragazzi, e decisamente morta diverse decine di anni prima.

Una caduta in un pozzo, una falange – così piccola, così inoffensiva – e Anya si ritrova con un’amica fantasma: utile, astuta, ma forse un po’ troppo intrigante, forse un po’ troppo prepotente…

Ottima storia di adolescenti e integrazione, vira con eleganza verso l’horror – non solo quello di una storia di fantasmi, ma quello di un’amicizia malata e prevaricante.

Elvis

Standard

9ad538501d54a15eab1a39d3dbf43c9c_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

Rebecca Dautremer

La magia dei pennelli di Rebecca Dautremer al servizio di un mito moderno: quello di un ragazzo sfuggito alla povertà e alle paludi della sua infanzia cantando canzoni d’amore con la sua chitarra.

elvis-wallpaper1

Un ragazzo che dà la scalata al successo, che cerca il vero amore, che viene inghiottito da chi vuole solo sfruttarlo, che sparisce diventando una leggenda. La leggenda di Elvis Presley.

2bcdc6ac-b989-4fc9-b9ea-62ea0e49296e

Non mi è piaciuto quanto gli altri volumi illustrati dall’artista francese, ma è normale: storia e ambientazioni sono meno nelle mie corde; eppure ci sono momenti di emozione, e la meraviglia di personaggi e sfondi non viene meno.

Baby sitter blues

Standard

28373780

Marie-Aude Murail

Emilien ha bisogno di soldi – quello che gli passa la mamma è chiaramente non al passo con l’inflazione, e a quindici anni si hanno delle spese!

Perché non darsi al babysitting? E se anche non si sa niente di bambini, che diavolo!, cosa potrà succedere?

Iniziano così le avventure quotidiane di un adolescente come tanti, intelligente e pieno di risorse, e insieme ingenuo, che sbaglia e impara; piccole avventure, sia chiaro, ma che compongono un ritratto sentito e divertito di un ragazzino che sta diventando adulto, e che impara a orientarsi nel mondo e negli affetti.

Un libricino, certo, lontano dalla profondità e dall’impegno di altre opere di Marie-Aude Murail, ma che nella semplicità delle vicende racchiude in sé il talento e la sensibilità con cui ha descritto vicende più grandi e drammatiche – e la stessa ironia.

The creeping shadow

Standard

23922381

Jonathan Stroud

 Lucy e Lockwood, George e Holly: vecchia squadra, nuovi inquietanti incarichi all’orizzonte.

E il sospetto – la certezza? – che ci sia in gioco molto di pi di quanto appare, e forze non sovrannaturali, ma altrettanto pericolose con cui avere a che fare.

L’apparizione improvvisa di una congregazione di pericolosi fantasmi in un villaggio nei pressi di londra, la sparizione di Fonti pericolosissime, i tentativi di depistaggio confermano tutti una cosa: che Lockwood e i suoi alleati, vecchi e nuovi, si stanno avvicinando al cuore del nemico – e che il nemico non ha nessuna intenzione di permetterlo.

Toni sempre più cupi, nonostante la sempre smagliante scrittura, per questo penultimo capitolo della serie soprannaturale di Jonathan Stroud: e se i personaggi crescono e i rapporti fra di loro si approfondiscono, mutano, evolvono, non si riesce ad evitare un senso di disagio al pensiero di cosa il diabolico autore possa avere in mente per loro (e per i lettori) nel volume in uscita quest’autunno.

…ma, d’altronde, a distanza di dieci anni io non mi sono ancora ripresa dalla fine della Trilogia di Bartimeus: prendete i miei presentimenti come i lamenti preventivi di un’acciaccata trentasettenne che non vuole -per piacere, signor Stroud! – che le venga fatto ancora del male. XD

I kill giants

Standard

6435893

Joe Kelly & JM Ken Niimura

Barbara conosce i giganti.

Sa tutto di loro e della loro malvagità, dei loro piani per scatenare l’inferno sulla terra e distruggere la razza umana.

Ne conosce tipi e punti deboli, preferenze e abitudini: e sa di essere l’unica  a poterli combattere.

Come combatte ogni giorno con i mostri della vita quotidiana: quello innominabile che si annida al piano di sopra della sua villetta, quelli che circolano per la scuola e la deridono.

Sola. Finché…

I kill giants ha vinto tutto quello che si poteva vincere nel suo campo.

Per me, ha vinto ancora poco.

Una storia profondissima e struggente sulla vita, la morte, l’accettazione, la paura, l’amicizia. Sul coraggio di vivere, perché altrimenti si è già morti. Sulla necessità di combattere contro i propri mostri, ma sopratutto di conoscerli – e riconoscerli, perché la paura che ne abbiamo può mascherarli.

Un capolavoro.

I supereroi detestano i carciofi

Standard

27229950

Sébastien Perez & Benjiamin Lacombe

Ingredienti:

  • Pop art, che richiami l’America degli anni ‘60
  • L’arte inquietante e visionaria di Benjamin Lacombe
  • Supereroi
  • Testi brillanti e compositi

Mischiare con cura incorporando grande cura grafica e un formato adeguato, infornare con una buona traduzione e servire il piccolo capolavoro che ne risulta.

9788817082501_1_0_0_0

Questo volume è una delizia, un divertissement perfetto per chiunque sia cresciuto (o stia crescendo) a pane e supereroi; l’equivalente su carta di quella divertente gemma che è Gli Incredibili della Pixar, si basa sulla stessa idea: prendere i cliché dei supereroi classici e mischiarli, producendo qualcosa di nuovo che strizza l’occhio al passato, e proprio per questo funziona così bene.

9788817082501_2_0_0_0

Se si aggiungono i meravigliosi richiami alla pop art (che dai fumetti ha tratto tanto, tantissimo materiale e che tanto ne ha offerto come ispirazione grafica) e il mestiere eccezionale di un artista come Lacombe, il risultato (ossia, un libro che è un piacere da possedere) è assicurato.

Il fantasma sei tu

Standard

29893821

Beatrice Masini

Ci sono molti tipi di fantasmi, e non tutti sono soprannaturali: possono essere le compagne di scuola che non ti notano se non per umiliarti; i genitori che pensano che vada tutto bene, e non vedono il tuo desiderio di urlare; gli amici che non ti vedono per come sei davvero, ma per come vorrebbero che fossi.

Invisibili per scelta, invisibili per necessità, invisibili per l’impossibilità di essere altro.

Lo sa bene Emilia, quindici anni e nessuna amica, che da sempre si sente diversa, e che nella quiete di una tranquilla villetta inglese, ospite di due anziani gentili e non invadenti inizia a ritrovare sé stessa: nella meraviglia di un’estate a Londra, in parole in una lingua non sua, nella compagnia comprensiva e stuzzicante di James, l’intelligente nipote dei suoi ospiti.

Un viaggio nel cuore di una ragazza e insieme in una Londra estiva, diversa da quella più turistica, nella lingua suggestiva e ricca di Beatrice Masini, sempre a suo agio nei panni di chi è fuori dagli schemi.

Deliziose le illustrazioni che accompagnano il testo.

Of cats and men

Standard

db2268fb79720baa-kalda_catnook_cover_ai

Sam Kalda

Brevi, intensi ritratti di grandi uomini – artisti, statisti, scienziati – che erano cat’s men: uomini che amavano i gatti, e che per tutta la vita si sono accompagnati a piccole divinità feline, smentendo il luogo comune che vuole il cane come il miglior amico dell’uomo.

Testi deliziosi, meravigliose le illustrazioni che li accompagnano, e qualche sorpresa fra i gattofili presenti: Churchill, Marlon Brando, il rude Bukowsky affiancano gattofili più noti, come T.S. Eliot, Mark Twain e Freddie Mercury.

Rimprovero all’autore una sola cosa: non aver incluso in questa augusta galleria H.P. Lovercraft, autore di alcuni dei brani più belli sulle nostre tigri domestiche (?).

slide1

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^