Archivi categoria: dai sei anni

Alya and the three cats

Standard

50980185._sx318_

Amina Hachimi Alaoui

Intraprendente; pigro e regale; timido ma affettuoso.
Ognuno è diverso, ma ognuno ama Alya di un amore totale.
Sono i tre gatti che ha adottato, e con cui condivide la propria esistenza.
Ma un giorno Alya inizia a ingrassare, e ci sono altre cose che le passano per la mente.
Non sempre ha tempo per glia amati pelosi.

Cosa può essere? Ha esaurito l'amore? O lo lo vuole dedicare tutto a quella strana, grinzosa creatura che ha portato a casa dopo esser andata via all'improvviso?

No: vuole ingrandirlo, aggiungendo un altro grande amore alla famiglia, umana e felina: perché l'amore non si divide, si moltiplica.

Illustrazioni meravigliose, una storia che fa sorridere e commuovere un poco - come tutte le grandi storie d'amore e amicizia.

Help wanted, must love books

Standard

46443695._sx318_

Janet Sumner Johnson & Courtney Dawson

Shayley adora la storia della buonanotte!

Ma quando il papà trova un altro lavoro e si scopre troppo stanco per leggergliela tutte le sere, decide di licenziarlo e assumere qualcun altro.

Ma non è facile trovare un buon lettore: principesse che si addormentano in mezzo alla lettura, marionette dal naso allungabile, amabili fanciulle che spargono cenere…

Riuscirà Shayley a ritrovare il piacere della lettura?

Un’idea brillante realizzata con disegni piacevoli e testi divertenti; la teoria di personaggi delle fiabe in cerca di lavoro (e i loro cv XD) sono uno spettacolo!

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

My bison

Standard

cover177453-medium

Gaya Wisniewski

Una bambina, un bisonte, una foresta silenziosa: anno dopo anno si rinnova il miracolo di un’amicizia che è un ponte fra esseri, realtà, mondi diversi, un’amicizia che la lontananza stagionale del bisonte non allenta, ma nutre nell’attesa di un nuovo incontro.

Un’amicizia che forma due vite nel silenzio, e che nemmeno l’assenza più dolorosa può interrompere: anche quella una pausa, soltanto una pausa, nell’attesa di rivedersi nella vastità delle foreste celesti.

L’asciutta sobrietà del bianco e nero presta a una storia apparentemente troppo scarna la serenità che merita, aggiungendo ricchezza a una riflessione su tavola profonda e commovente.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

A little courage

Standard

46404028

Taltal Levi

Una ragazzina minuscola vive ogni giorni molte avventure: una briciola  di biscotto per pranzo, una goccia d’acqua da bere, un ago come spada e un ditale come elmo.

Una vita solitaria e pericolosa.

Ma…

Cos’è quella creatura nera e gigantesca, dal passo felpato, che si aggira per la casa?

Ha lunghi baffi, e emette uno strano, basso rumore…

Un’avventura è molto più di un’avventura se vissuta con un nuovo, morbidissimo amico; e a volte basta un pizzico di coraggio per espandere il proprio mondo nella maniera più bella.

Un librino incantevole, dai testi delicati e meravigliosi disegni, che nel ricordare Arrietty mostra le infinite possibilità che si spalancano a chi è disposto a coglierle. ❤

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

La libreria volante di Dante

Standard

1008

Jen Campbell & Katie Harnett

Dante è un drago di vaste e variegate letture: può leggere di balletto la mattina e di meccanica dei fluidi la sera, costruire un’astronave per pipistrelli un giorno e un veliero per topi quello successivo – tutto con l’aiuto dei suoi preziosi libri.

Ma quando va in paese per cercare qualcuno con cui parlare, scappano tutti via urlando.

E Dante torna alla sua biblioteca tremendamente infelice.

Anche Elena ama leggere, e parlare di libri e storie e costellazioni: un incontro voluto dal destino, quello che capita nel bosco un bel pomeriggio!

E dopo aver chiacchierato e mangiato torta e letto per un bel po’, nasce nei due un’idea: perché i libri sono ancora più belli se condivisi.

Illustrazioni incantevoli e una storia deliziosa: mi sono innamorata di Dante e della sua pipistrelluta biblioteca. ❤

Unicorn training for beginners

Standard

46259580._sx318_

Amanda Brandon & Mike Byrne

Tilly ama gli unicorni, e quando al rifugio arriva Splodge capisce che è quello che fa per lei: certo, un po’ sporco, e non proprio educato, ma grazie al suo prezioso Manuale Tilly è certa che diventerà l’unicorno migliore del mondo!

L’unica cosa che Tilly non ha messo in conto è l’infinita pazienza che ci vuole per educare un cucciolo…

Una storia graziosa, ma che lascia poco: il maggior punto di forza sono le deliziose illustrazioni, per il resto l’unico messaggio è che per addestrare una animale domestico ci vuole pazienza e si viene riccamente ricompensati in affetto.

Messaggio giustissimo, ma che sarebbe stato piacevole veder reso con un pizzico di originalità.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Animals reviewed

Standard

43212853._sx318_

America Zoo Association

“Esteticamente attraente, con rotondità ben evidenziate dal brillante contrasto cromatico bianco/nero, tiene al caldo e consuma poco. Problematico l’utilizzo nei mesi estivi, ma nel complesso un prodotto eccellente”.

Ecco, questa sarebbe la recensione su Amazon del mio amatissimo Oliviero, gatto sopraffino. ❤

E simili sono le esilaranti recensioni scritte da biologi, conservatori, curatori di zoo e acquari di tutta l’America: animali fra i più curiosi vengono presentati con foto brillanti e pareri ben ponderati, utili a valutarne l’acquisizione o meno (io un lemure lo voglio COMUNQUE).

Un’idea deliziosa, che a colpi di ridate aiuta a far conoscere il patrimonio zoologico che si può ammirare, e che tutti i giorni viene tutelato da professionisti che svolgono con passione il loro lavoro.

Nota: a me i circhi fanno venire i brividi, e penso che i cetacei debbano essere rimessi in libertà. Ma ha vinto le mie resistenze a pensare a uno zoo un amico carissimo, che i spiegava come siano strutture ormai estremamente evolute, in cui il benessere degli animali è il primo pensiero.

Non ho ancora avuto modo – e coraggio – di visitarne uno, ma l’entusiasmo della miriade di autori di questo libretto è un’ottima pubblicità.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

If the shoe fits

Standard

978-0-7643-5843-2

Deborah Guarino & Seth Hippen

Questa è una storia d’amore.

Una storia d’amore che conoscete tutti.

Una storia d’amore che credete di conoscere tutti.

Comunque, è una storia di vero amore – e state tranquilli: il vero amore trionfa sempre!

Dirò solo: scarpetta, fanciulla, ballo, fata madrina, principe.

E un calzolaio.

E poi un testo che rima e canticchia, e illustrazioni che coccolano gli occhi.

E un calzolaio – l’ho già detto?

Comunque: amore, amore vero, e scarpette di cristallo.

Perché voi pensate di conoscere la fiaba ma NO, vi illudete solo.

Quindi, visto che la vera storia è contenuta in questo libretto, e che questo libretto è una gemma meravigliosa e perfetta, e che c’è il vero amore, correte a procurarvelo.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

A giant dose of gross

Standard

51gto4ril0l._sx359_bo1204203200_

Andy Seed and Claire Almon

Animali brutti, animali che mangiano cadaveri, animali che vivono nello sporco, Animali dalle abitudini strane…

Animali per tutti i gusti, che questo brillante volumetto permette di scoprire: non come abomini, ma spiegando il perché, per loro, l’aspetto per noi inquietante o le abitudini di vita rivoltanti siano una brillante soluzione alle necessità di sopravvivenza.

Ironico, intelligente e ricco di curiosità: un altro dei volumi che sto mettendo da parte (e traducendo nei ritagli di tempo) per quando l’Infanta, già molto animalomane, saprà leggere. ^^

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Brave with beauty

Standard

45705963._sx318_

Maxine Rose Schur & 

C’era una volta, molto tempo fa, in un Paese lontano lontano, una regina che amava la bellezza.

Era intelligente e potente, e voleva lasciare un mondo migliore, più ricco in cultura e abbondanza.

Questa regina si chiamava Goharshad, e regnò nell’Afghanistan del XV secolo: sette secoli fa una donna rivoluzionò il suo Paese – e questa è la sua storia, riccamente illustrata e accompagnata da testi leggeri e pieni di poesia.

Ma non tutte le fiabe hanno un lieto fine, soprattutto quando non sono storie ma Storia: morta (giustiziata) la regina che amava il Bello, la sua eredità venne inghiottita dal tempo e dalla miopia feroce degli uomini.

Una vita che va raccontata, e che mi ha permesso di scoprire una figura storica che ignoravo completamente, e che può davvero essere luminoso esempio ancora oggi – e non solo nel suo Paese d’origine.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂