Archivi categoria: dai sei anni

Diary of an ogre

Standard

9782924786697_fc

Valeria Davila & Monica Aguerrebehere

Gli orchi sono in pericolo: troppe novità minacciano il modo tradizionale di vivere e minacciare, la loro stessa cultura!

Per fortuna c’è chi è disposto a prendere la situazione i mano, e partire dai giovani.

Una scuola in cui imparare a essere un vero Orco è la soluzione.

Questo è il diario dell’Orco coraggioso che ha deciso di mettersi in gioco, per l’onore suo e della sua (puzzolente) stirpe.

Un altro diario ironico  e divertentissimo, dalle illustrazioni meravigliose, che gioca con le fiabe classico innovandole.

Spettacolare!

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

Annunci

Diary of a witch

Standard

40517728

Valeria Davila & Monica Lopez & Laura Aguerrebeherre

Per parafrasare il titolo di un romanzo di qualche anno fa, se NON fossi una strega!

Come fare infatti se una vita di verruche e malefiche pozioni ormai ti sta stretta?

Se non desideri che trovare un altro lavoro, comprare un costume da bagno e prendere il sole sul lungomare?

25761875-_sy540_

Può essere una sfida – una sfida vera.

Da documentare rigorosamente in un diario, senza vergogna, senza timori.

25761877-_sx540_

Bellissime illustrazioni accompagnano un diario che è un esempio – di cosa, non si capisce bene. XD

Un libricino pieno di ironia, da regalare e regalarsi – perché, se c’è speranza per una strega, c’è speranza per tutti. 😉

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Georgia O’Keeffe

Standard

39085256

Isabel Sanchez Vegara

Sono un grillo fortunato*, perché mi sono cascate fra le mani ben due nuove uscite di una delle mie serie preferite (potrei far finta di avere delle remore in merito, ma tanto non mi crederebbe nessuno).

E se una mi ha fatto scoprire l’inarrestabile Harriet Tubman, questa mi trascina nel mondo meraviglioso di una delle mie artiste preferite, già esplorato (ma mai abbastanza) nell’altrettanto delizioso Kid artists.

Non dico niente, se non leggetelo.

hb_59-204-2

E, sopratutto, guardate: era quello che faceva Georgia, scoprendo e riscoprendo di continuo il mondo, e mostrandolo agli altri attraverso i suoi occhi incantati.

02398

 

*Sì, amo Mulan. E chi non ha colto la citazione venga compito da disonore su di lui/lei, sui suoi antenati, e sulla sua mucca!

438818

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Harriet Tubman

Standard

39669964

Isabel Sanchez Vegara

Vite gigantesche contenute in poche pagine: è questo il nocciolo di questa adorabile collana, che a ogni uscita mi incanta di più.

In questo volume ho scoperto una donna coraggiosa, vera combattente per la libertà: nata in schiavitù negli Stati del sud prima della Guerra Civile, Minty fugge, cambia nome, trova la libertà.

E torna indietro per aiutare altri schiavi – centinaia di altri schiavi – a raggiungere la salvezza.

Una vita di lotta raccontata con semplicità ma senza semplicismi.

Più che consigliato, come tutti i volumetti di questa collana.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Il pinguino che voleva diventare grande

Standard

71uehmzx8al

Jill Tomlinson

Otto è un pinguino. Ed è un pulcino, ancora affidato alle cure del suo saggio papà: un papà che sa tutto, e risponde alle domande più difficili del suo cucciolo.

E così Otto si trova a proteggere e fare da fratello maggiore agli altri pulcini: perché sa più cose, perché è più grande, perché è quello che fa un pinguino imperiale. Far gruppo, e occuparsi l’uno degli altri.

Otto vuole diventare grande: ogni giorno gli si schiude un mondo più vasto e ricco di esperienze, ogni giorno vuole diventare un pinguino adulto: il mare, il pesce, le scivolate su ghiaccio lo aspettano, e con lui i suoi amici.

Libretto graziose e ben scritto, arricchito da bellissime illustrazioni, introduce  con un sorriso alle abitudini dei pinguini imperatore, facendo scoprire un frammento di mondo gelato poco conosciuto ai bambini, e insieme il valore di stare insieme, aiutandosi.

The enchanted chest

Standard

40078709

Jean-Francois Chabas & David Sala

Un bel giorno, un povero pescatore estrae dalle profondità del mare un bellissimo baule.

Raffinato ed elegante, è anche robusto. Molto robusto. Così robusto che è impossibile aprirlo.

Non solo per il pescatore, che se lo gode ben poco – ma anche per i servitori del Re, noto per la sua avarizia, che vuole assolutamente sapere che tesori custodisca il baule.

Stregoni, alchimisti, fabbri, forzuti si susseguono, fallendo.

Finché…

Illustrata con eccezionale raffinatezza, questa meravigliosa fiaba è una gemma di ironia e saggezza insieme.

Da tenere custodita con cura – ma in una bella libreria aperta a tutti, non in un baule chiuso a chiave. 😉

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

Il bosco addormentato

Standard

8098250_2779007

Rébecca Dautremer

Silenzio.

Tutto tace.

Solo il vento si muove fra le attrazioni della fiera.

Non una lepre, non una farfalla.

Dormono.

E dormono i bambini sulle giostre, i pugili sul ring, il giullare sul suo cavallo.

Dormono.

Dorme la bella, fra i vasi ormai ridotti a sterpi e spine dei suoi fiori.

Dormono e aspettano.

Cosa?

Un bacio.

Una rilettura per immagini de La bella addormentata nel bosco che lascia senza fiato.

Uno dei volumi più belli – e sono tutti magnifici – che Rébecca Dautremer ci abbia regalato.

718d476601416a6c789e76303e9aa761

The lost path

Standard

36596402

Amélie Fléchais

Una foresta incantata. Un sentiero che si perde. Creature spaventose che si annidano fra gli alberi, nascondono fra le foglie, emergono dal terreno. E tre bambini in esplorazione che si perdono.

Nonostante abbia adorato gli altri volumi di Amélie Fléchais che ho letto, The lost path non mi è piaciuto, se non per le bellissime illustrazioni che accompagnano l’inquietante fiaba iniziale.

Le tavole sono interessanti, ma la storia è confusa e poco incisiva,  e l’assenza di colore toglie buona parte del fascino ai disegni dell’autrice.

Temo che il fumetto non sia il suo medium di elezione, contrariamente al libro illustrato.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

The coral kingdom

Standard

35724189

Laura Knowles

Un viaggio nel regno più fantastico che ci sia: la misteriosa  foresta (ma di animali, non di piante!) che è la barriera corallina.

Ecosistema delicatissimo e complesso, ricco di vita, a rischio di morte a causa dell’inquinamento: e con i coralli scompaiono tutte gli animali e le piante che veleggiano silenziose e serene sotto le onde, in un tripudio di colori.

Semplici versi e illustrazioni dai colori acquerellati illustrano questo regno da fiaba, ricordandoci che le nostre abitudini quotidiane possono davvero fare la differenza per mondi interi – nel bene e nel male.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

Ada Lovelace

Standard

35960232

Isabel Sanchez Vegara

Ho già parlato del talento eccezionale e della vita intensa di Ada Lovelace grazie alla biografia pubblicata dall’Editoriale Scienza, ma non ho saputo resistere a questa deliziosa biografia per i più piccoli: una vita spiegata in poche frasi, con meravigliose illustrazioni che fanno sorridere e insieme immergono davvero nel periodo, permettendo ai matematici in erba di identificarsi con Ada rappresentandola sempre con forme infantili.

Delizioso, come tutti gli altri volumi della serie Piccole donne, grandi idee.<3

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂