Archivi categoria: illustrato

Cronache birmane

Standard

10856968

Guy Delisle

Sempre al seguito della moglie Nadège, amministrativa di Medici Senza Frontiere, Guy Delisle si trasferisce per un anno in Myanmar, un tempo chiamata Birmania: è il 2007, Aung San Suu Kyi è ancora prigioniera in casa sua e il  Paese, oppresso da una povertà diffusa e feroce, è sotto una dittatura militare.

Ed è con la scollamento dalla realtà conosciuta che Delisle, adesso con un neonato al seguito, si scontra nella realtà quotidiana: i divieti surreali, la censura opprimente e spesso demenziale, la difficoltà a reperire beni comunissimi in occidente (pannolini e inchiostro di china) danno vita a un quaderno di tavole brevi, quasi appunti, che con acutezza e ironia dipinge la quotidianità di un Paese lontanissimo.

Forse meno incisivo delle successive Cronache di Gerusalemme, ma in ogni caso più che meritevole di lettura.

Annunci

Killer fashion

Standard

34536954

Jennifer Wright

Brevi quadri che, in maniera vivace e con l’aiuto di illustrazioni ironiche e originali, illustrano alcuni dei terrificanti pericoli (e più che pericoli, spesso: veri e propri danni) della moda attraverso i secoli.

Letale a volte per chi la produceva, a volte per chi la indossava, a volte per chi, innocente, passava accanto a damigelle e signori alla moda.

Purtroppo per chi come me ha letto il dettagliatissimo (e inquietantissimo!) Fashion victims di Alison Matthews Davies questo volumetto, superficiale e poco approfondito, ha ben poco interesse, se non per le originali illustrazioni.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Skunked!

Standard

27779276

Jacqueline Kelly

Le giornate sono sempre piene per Callie Vee: sopravvivere a sei fratelli e alla scuola, schivare le lezioni di economia domestica di Mamma, procedere regolarmente alle sue Osservazioni Naturalistiche con Nonno e osservare con attenzione il veterinario, dottor Spitzer, non le lasciano molto tempo.

Ma Travis, lo svagato dal cuore tenero, non ha altri a cui rivolgersi, sopratutto quando incontra degli animali in difficoltà.

Anche se questi animali sono cuccioli di temutissime puzzole…

Inizia così un’altra rutilante e tenerissima avventura di Travis e Calpurnia, alle prese con animali selvatici dalle abitudini ignote o anche troppo conosciute (e odorose…), arricchita in questo volumetto da illustrazioni che, a uno stile delicatamente datato, uniscono un’ironia che le rende perfette per i nostri eroi.

Non vedo l’ora di leggere il prossimo. ^^

Nota: io ho letto la versione in inglese, ma la NordSud Edizioni ha pubblicato questo delizioso volumetto con il titolo Puzzole che puzzano!, e a breve porterà in libreria il secondo, Pecore che contano!

Nick the Knight, Dragon Slayer

Standard

91tacegve2l

Aron Dijkstra

Nick ha deciso: è ora di sconfiggere un drago! E chi meglio del terribile, invitto Breakhorn, che da anni infesta la montagna?

Peccato che la faccenda si faccia sempre più faticosa, e che il drago non sembri molto interessato allo scontro…

Deliziosa storia di cavalieri, draghi, armature e partite a scacchi – perché ci sono molti modo per sconfiggere un nemico (o è un amico?).

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ❤

Cici’s journal

Standard

33163365

Joris Chamberlain & Aurelie Neyret

Cici vuole diventare una scrittrice, e sa bene che per realizzare il suo sogno è necessario moltissimo lavoro – scrivere, scrivere, scrivere e studiare le persone, scoprire le loro storie e imparare chi si cela sotto il viso di ogni giorno.

E così le sue giornate sono piene di corse in bicicletta, chiacchiere con le sue amiche, appunti nel suo diario e… un mistero da risolvere: dove va lo strano vecchio che ogni fine settimana esce dal bosco con secchi di vernice vuoti?

Nonostante la sua fervente immaginazione Cici non riesce a capire – quindi, non resta che lanciarsi in un’investigazione con tutti i crismi, che porterà alla scoperta di un luogo veramente magico.

Deliziosa graphic novel intermezzata dalle pagine fitte di foto, macchie, appunti e disegni del diario di Cici, ha testi accessibili ma brillanti, personaggi a cui ci si affeziona senza neanche accorgersene e tavole assolutamente meravigliose.

Un gioiellino!

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

I love a book

Standard

35696957

Joe Rathigan

Apri un libro e trovi…

…pirati che tirano su tesori al canto di poemi epici;

…squali che masticano banchi di scuola;

…alieni che leggono durante viaggi spaziali;

…cani di ogni razza, e ricette di ogni Paese;

…avventure infinite.

Tutte da amare.

Un viaggio colorato nell’avventura della lettura, vissuto attraverso gli occhi e la nutrita fantasia di un bambino.

Per ricordarci – sempre – perché amiamo leggere.

Delizioso.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Random Illustrated Facts

Standard

33572519

Mike Lowery

A quanto pare Mike Lowery e io condividiamo la passione peri fatti strambi, le anomalie, le curiosità storiche e scientifiche.

Solo che mentre io ho il superpotere di attirare a me le nozioni più stravaganti e ricordarmele, lui da anni le colleziona con metodo, taccuino dopo taccuino, e le illustra per ricordarle meglio: nasce così questa raccolta, a volte esilarante spesso vagamente inquietante, sempre interessante, di stramberie assortite.

Per intenditori. 😉

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Kid authors

Standard

34013560

David Stabler & Doogie Horner

Roald Dahl era un assaggiatore segreto di cioccolata; Jules Verne naufragò nella Loira, finendo per qualche ora su un isolotto; J. K. Rowling dovette combattere contro i bulli, come l’irresistibile Lewis Carrol, nonostante il suo fisico fragile; Edgar Allan Poe invece era un po’ bullo, mentre Mark Twain era scatenato, quanto e più il suo Tom Sawyer.

Sedici autori, sedici infanzie, sbocciate in opere che hanno influenzato generazioni di lettori.

Ed è bello, che siano state vicende liete o tristi, vedere come sono state superate, seminando grande letteratura.

Delizioso, come il precedente Kid artists: e come Kid artists, mi auguro di cuore che venga portato in Italia da qualche illuminato editore. ^^

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

The little red wolf

Standard

35905318

Amélie Fléchais

C’era una volta, nel fondo di una foresta scura, un piccolo lupo che viveva con la sua famiglia.

Amava indossare una mantellina rossa e giocare nel bosco – ma la sua famiglia gli aveva raccomandato prudenza, perché il Cacciatore e sua figlia si aggiravano nella foresta, ed erano crudeli e pericolosi.

c5a55077611f976150f75e3d1cb9871c-spot-illustration-illustration-animals

Poi, un giorno, Mamma Lupa incarica il lupacchiotto di portare un bel coniglio fresco alla nonna; e il lupacchiotto si mette in viaggio…

Partendo da Cappuccetto Rosso, Amélie Fléchais costruisce una favola oscura e meravigliosa, che nel colpo di scena finale esplora il dolore e il senso di colpa.

petitlouprouge-p34bq-1

Un gioiello, nei testi e nelle spettacolari, illustrazioni.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

The man who knew everything

Standard

33215522

Marilee Peters

Esperto di matematica, musica, fisica, scienze naturali, medicina, geroglifici, crittografia…

Non c’è stato campo dello scibile umano in cui il gesuita Athanasius Kircher non si sia cimentato, spinto da una feroce sete di sapere e da una curiosità nei confronti del mondo insaziabile.

Nato in una povera famiglia tedesca, prende i voti durante il Seicento, un secolo di grandi scoperte e grandi persecuzioni di scienziati da parte di quella Chiesa che pure gli ha permesso di studiare; e mentre colleziona, osserva, scrive, insegue nozioni, si cala in vulcani, crea collezioni e musei, intrattiene corrispondenza con centinaia di scienziati riesce sempre a tenersi dal lato buono della dottrina.

Ha sbagliato? In molte  cose sì; qualche altra l’ha inventata di sana pianta, per stupire ed accrescere la sua fama.

Ma niente viene tolto al fascino di una figura brillante ai limiti della genialità, e del segno che ha lasciato nei secoli.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^