Archivi categoria: illustrato

The little red wolf

Standard

35905318

Amélie Fléchais

C’era una volta, nel fondo di una foresta scura, un piccolo lupo che viveva con la sua famiglia.

Amava indossare una mantellina rossa e giocare nel bosco – ma la sua famiglia gli aveva raccomandato prudenza, perché il Cacciatore e sua figlia si aggiravano nella foresta, ed erano crudeli e pericolosi.

c5a55077611f976150f75e3d1cb9871c-spot-illustration-illustration-animals

Poi, un giorno, Mamma Lupa incarica il lupacchiotto di portare un bel coniglio fresco alla nonna; e il lupacchiotto si mette in viaggio…

Partendo da Cappuccetto Rosso, Amélie Fléchais costruisce una favola oscura e meravigliosa, che nel colpo di scena finale esplora il dolore e il senso di colpa.

petitlouprouge-p34bq-1

Un gioiello, nei testi e nelle spettacolari, illustrazioni.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Annunci

The man who knew everything

Standard

33215522

Marilee Peters

Esperto di matematica, musica, fisica, scienze naturali, medicina, geroglifici, crittografia…

Non c’è stato campo dello scibile umano in cui il gesuita Athanasius Kircher non si sia cimentato, spinto da una feroce sete di sapere e da una curiosità nei confronti del mondo insaziabile.

Nato in una povera famiglia tedesca, prende i voti durante il Seicento, un secolo di grandi scoperte e grandi persecuzioni di scienziati da parte di quella Chiesa che pure gli ha permesso di studiare; e mentre colleziona, osserva, scrive, insegue nozioni, si cala in vulcani, crea collezioni e musei, intrattiene corrispondenza con centinaia di scienziati riesce sempre a tenersi dal lato buono della dottrina.

Ha sbagliato? In molte  cose sì; qualche altra l’ha inventata di sana pianta, per stupire ed accrescere la sua fama.

Ma niente viene tolto al fascino di una figura brillante ai limiti della genialità, e del segno che ha lasciato nei secoli.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Snow & Rose

Standard

33972789

Emily Winfield Martin

C’era una volta due sorelle che abitavano in un bosco.

I loro nomi erano Bianca Neve e Rosa Rossa, e dalla loro casetta nel folto della foresta si preparavano a vivere molte incredibili avventure…

Questa versione meno nota della fiaba di Biancaneve è ben nota ai brillanti lettori di Fables, e viene piacevolmente rielaborata, con un tocco moderno e sensibile, da Emily Winfield Martin.

Le due sorelle e la madre si trasferiscono nel bosco dopo la misteriosa scomparsa dell’amatissimo padre e marito, lottando ognuna per venire a capo del dolore che le travolge.

E nella foresta moltissimi strani personaggi fanno la loro comparsa, e molti altri scompaiono senza lasciare traccia – spetta alle due bambine fare luce sui misteri della loro nuova casa, ricostruendo nel frattempo la loro vita.

Una fiaba piacevole e piacevolmente, se non eccezionalmente, illustrata.

Sebbene lo stile piano e le vicende non presentino particolari caratteri di originalità, intrattengono per qualche ora, e sono ideali per la lettura ad alta voce.

Particolarmente riusciti i caratteri delle due sorelle e il rapporto fra di loro e con la madre, e la delicata descrizione dell’elaborazione del lutto e dell’evoluzione dei rispettivi caratteri.

In poche parole, un libro non eccezionale, ma gradevole da leggere e da farsi leggere.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Rapunzel

Standard

34437720

Bethan Woolvin

Rapunzel è prigioniera di una strega in una torre.

La sua sola speranza è che arrivi un principe a salvarla.

O anche no.

Come nel precedente, delizioso Little Red, anche qui Bethan Woolvin rilegge una fiaba  classica con ironia e un tocco di malizia, creando una protagonista intraprendente e forte.

Stupende, sempre, le illustrazioni che accompagnano il testo.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

What we see in the stars

Standard

33897637

Kelsey Oseid

Un nuovo modo di osservare il cielo notturno: pianeti e costellazioni, galassie e stelle si piegano davanti al lettore in tutto il loro fascino, sia scientifico, con spiegazioni precise e chiarissime, sia mitologico e letterario, ricostruendo l’importanza e l’attrazione che la notte ha sempre esercitato sull’umanità.

Suggestive illustrazioni accompagnano i testi, aggiungendo fascino al già grande fascino di uno splendido volume.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione, e spero che qualche  illuminato decida di portare in Italia questo piccolo capolavoro. ^^

Poetry for kids: Robert Frost

Standard

34220790

Robert Frost

Robert Frost è poeta amatissimo in America, ma desolatamente sconosciuto in Italia: “desolatamente” perché ha scritto con umorismo e sensibilità, delicatezza e partecipazione della natura e dell’uomo, producendo testi meravigliosi.

Questo volumetto ne raccoglie trentacinque, scelti per introdurre il poeta a bambini fra gli otto e i quattordici anni: brani bellissimi, spiegati con chiarezza e illustrati con gusto, ma prima di tutto presentati per esser letti e apprezzati.

Un’iniziativa bellissima, che sarebbe bello veder emulata in Italia.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Shadow warrior

Standard

33215518

Tanya Lloyd Kyi

Mochizuki Chiyome vive in un mondo duro: il Giappone del XVI secolo è frammentato in staterelli costantemente in guerra, e nessun signore, per quanto fiero e feroce, sembra in grado di porre fine alla situazione.

Chiyome vive anche in un mondo in cui le donne hanno poca scelta: un matrimonio combinato la fa sì entrare nella famiglia di un potente damyo, ma insieme soffoca il sogno per cui si è addestrata con tenacia: diventare un ninja, una guerriera capace di raccogliere informazioni e confondere i nemici, sparire nella nebbia  e comparire nella notte.

O forse no.

La morte del marito la induce a fare al suo signore una proposta che non può rifiutare: Chiyome fonda quindi una scuola, e tesse la più efficiente e ampia rete di spie che il Giappone abbia mai conosciuto: una rete di ninja donne.

Verità o leggenda?

Non conoscevo la storia di Chiyome, e che nasca da una verità storica o sia un’invenzione della fantasia popolare per me ha poca importanza: l’idea che sia esistita (o sia stata creata) un’eroina che con astuzia e coraggio si è ricavata un posto di potere in un mondo interamente maschile, trasmettendo le sue conoscenze e di fatto liberando altre centinaia di giovani donne mi ha incantata.

Magnifica anche la resa grafica, che fonde stampe giapponesi d’epoca con illustrazioni originali in stile, riportando alla luce un mondo passato, ricco di orrore e splendore.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

How to make friends with a ghost

Standard

33414849

Rebecca Green

Tutti hanno paura dei fantasmi, ma solo perché ben pochi sanno che possono essere compagni affettuosi e giocherelloni, e amici fedeli – per la vita e oltre.

Per fortuna questo piccolo, ma completo manuale sfata molti miti, e dà ogni indicazione necessaria a costruire e mantenere nel tempo una meravigliosa amicizia: perché i veri amici si prendono cura l’uno dell’altro. Sempre, e per sempre.

Un’idea originale viene sostenuta da testi divertenti e illustrazioni semplici e piacevoli, per un messaggio di amicizia che tocca il cuore. Bellissimo.

Ringrazio l’editore per avermi fornito la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Do not take your dragon to dinner!

Standard

514x1-xafml-_sx258_bo1204203200_

Julie Gassman & Andy Elkerton

Sappiamo già che NON si deve portare il proprio drago in biblioteca – ma un’idea anche peggiore è portarlo a cena fuori!

Certo, i draghi sono magnifici, ma diciamocelo: fra fiato ardente, code ingombranti, artigli affilati e un notevole entusiasmo per il cibo non sono proprio i commensali ideali…

Un libricino meraviglioso, che con ironia insegna il valore delle buone maniere a tavola – e la necessità di pensare bene a chi invitare a cena fuori. XD

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ❤

Stinker

Standard

51w8eldyqdl

David Zeltser & Julia Patton

Stinker (“Puzzone”) è un cagnolotto adorabile: vivace, affettuoso, intelligente… e afflitto da una flatulenza che lo condanna al canile.

Per fortuna un astuto micio è dalla sua parte, e da quella di una persona che si rivela essere il perfetto compagno per un cagnotto un po’ fetiduccio ma con tanto amore da dare.

Testo e immagini, brillanti e intelligenti, addolciscono una storia di abbandono e amicizia trovata, a dimostrare che c’è amore per tutti, oltre le apparenze – anche olfattive.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^