Archivi categoria: saggistica

If we were gone

Standard

46319117._sx318_

John Coy & Natalie Capannelli

Il mondo senza di noi è il titolo di un saggio di Alan Weisman, vincitore del Premio Pulitzer.

L’autore immaginava che l’essere umano sparisse, e quello che sarebbe successo nel corso dei minuti, delle ore, dei giorni, delle settimane, degli anni, dei secoli alla Terra: una teoria sorprendente di cambiamenti spesso immediati (la metropolitana di New York si allagherebbe subito, per dire, se non funzionassero le pompe), e sempre incisivi.

Questo libricino riprende lo stesso concetto, ma in maniera talmente mediocre da essere sconfortante, sia nelle illustrazioni che nei testi, estremamente scarni: e se da una parte il concetto di fondo è più che condivisibile (la Terra è una sola, prendiamocene cura) non basta certo a salvare un volume realizzato così poveramente.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

Children’s picturebooks – Second edition

Standard

9781786275738-2

Martin Salisbury & Morag Styles

Non è un libro per bambini, ma un libro sui libri per bambini:un viaggio nella difficile arte di rappresentare per immagini storie e sentimenti spesso complessi, aiutando con testi adatti (semplici, non semplicistici – una distinzione fondamentale) a scoprire oggetti, vicende, relazioni, sentimenti.

A riconoscerli. A dargli un nome, in modo che non restino intrappolati in un cuoricino o una mente non in grado di elaborarli ed esorcizzarli.

Uno sguardo dietro le quinte della produzione di strumenti potenti e spesso svalutati come, appunto “cose da bambini”.

Interessantissimo, anche nelle analisi di autori e opere particolarmente esemplificativi.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.:)

Atlas of ocean adventures

Standard

43885179

Emily Hawkins & Lucy Letherland

Da un oceano all’altro, alla scoperta delle creature che popolano gli abissi di quelle acque che occupano il 70% del nostro bellissimo pianeta.

Pesci minuscoli e mammiferi enormi, canti misteriosi, animali di cui si è sentito parlare – ma non si ha la certezza che esistano; coralli, alghe, piovre mostruose, avvistamenti che vengono dal mito.

E, ancora, segreti che gli oceani non hanno rivelato.

Un bellissimo volume, introduzione perfetta alle meraviglie della parte liquida del nostro mondo.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

A giant dose of gross

Standard

51gto4ril0l._sx359_bo1204203200_

Andy Seed and Claire Almon

Animali brutti, animali che mangiano cadaveri, animali che vivono nello sporco, Animali dalle abitudini strane…

Animali per tutti i gusti, che questo brillante volumetto permette di scoprire: non come abomini, ma spiegando il perché, per loro, l’aspetto per noi inquietante o le abitudini di vita rivoltanti siano una brillante soluzione alle necessità di sopravvivenza.

Ironico, intelligente e ricco di curiosità: un altro dei volumi che sto mettendo da parte (e traducendo nei ritagli di tempo) per quando l’Infanta, già molto animalomane, saprà leggere. ^^

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Cooking Class Global Feast!

Standard

43213059

Deanna F. Cook

Il giro del mondo attraverso il cibo: colazione italiana, pranzo greco, merenda indiana, cena senegalese.

Decine di ricette, scelte con cura e spiegate con chiarezza, ognuna rappresentativa di un Paese, ognuna riproducibile, con un po’ di attenzione, da un bambino alla ricerca di profumi, ingredienti, sapori nuovi.

Un piccolo tesoro, una meravigliosa guida di viaggio.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

Charlotte Brontë before Jane Eyre

Standard

43522202

Glynnis Fawkes

Nomini Charlotte Brontë e subito tutti saltano su con Jane Eyre*.

Ma Jane Eyre è stato un punto di svolta: Charlotte aveva già scritto un romanzo (rifiutato), aveva vissuto in un collegio, perso la madre e due sorelle, studiato all’estero e conosciuto il grande amore.

Jane Eyre le garantisce la fama (in un certo senso, visto che venne pubblicato sotto pseudonimo), e l’accesso a una società letteraria che lei, giovano donna di carattere, tagliata fuori dal mondo se non per libri e giornali, intrappolata nel vicariato del padre con un fratello interamente dedito alla propria distruzione bramava da sempre – molto più della mite Anne o della selvatica Emily, che esordiscono insieme a lei con Agnes Grey e Cime tempestose.

Trent’anni di vita precedono la nascita di Edward Rochester, di Adèle, di Blanche Ingram: e questi trent’anni sono raccontati con precisione, intelligenza, delicatezza in questa bellissima biografia a fumetti, che ritrae con umanità e garbo il mondo curioso e fantastico, la vita difficile ma ricca di affetto di Charlotte e della sua famiglia.

Imperdibile  per un fan, ma splendida occasione anche per chi non lo è di conoscere più a fondo una personalità complessa, troppo a lungo strangolata dallo stereotipato ritratto di Elizabeth Gaskell.

*Che, nel caso leggeste questo blog per la prima volta, dico ridico e ribadisco essere il mio romanzo preferito. Cioè, ne ho quattro copie cartacee, una digitale e due in audiolibro. E io non compro doppi.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

The element in the room

Standard

38741029

Mike Barfield & Lauren Humphrey

Quanti misteri in una sola stanza!

Quanti indizi da svelare!

Per fortuna l’astuto Sherlock Ohms è pronto a guidarci alla scoperta di quello che il mondo nasconde, sotto forma di elementi chimici, con l’aiuto di brillanti (letteralmente, a volte XD) esperimenti e geniali osservazioni.


Attraverso schemi, fumetti, tavole, pannelli illustrativi, questo intelligentissimo libricino svela ai ragazzi il lato più “elementare” della materia, introducendo con simpatia le basi della chimica e della fisica.

Meraviglioso!

Ringrazio  l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. 🙂

Animal habitats

Standard

43387607

Sam Hutchinson & Sarah Dennis

L’idea mi piaceva moltissimo: una rappresentazione dei molteplici habitat sul pianeta Terra, in tutta la loro sfolgorante varietà, realizzata con la tecnica degli intagli su carta.

Purtroppo la realizzazione non è all’altezza: ho trovato povere le rappresentazioni, e scarsissime le spiegazioni che annotano i vari ambienti.

Un’occasione perduta.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.

A history of art in 21 cats

Standard

43723433

Nia Gould

L’intera storia dell’arte, dagli egizi alla contemporanea, spiegata con i felini:  un raffinato gatto bizantino, un frivolo micio rococò, un concertante felino simbolista introducono ventuno stili o movimenti, spiegati poi con brevi note e agilmente riassunti con brevi paragrafi legati alla rappresentazione peloso.

Il mio nuovo libro di storia dell’arte preferito, prontamente acquisito per l’Infanta dalla Nonna.

In inglese, anche se spero dal cuore che ne pubblichino una versione italiana. ❤

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione. ^^

100 things to recycle and make

Standard

43248435

Fiona Hayes

Carta e cartone, piatti in plastica, colla forbici e colori: gli ingredienti per decine di progetti creativi da affidare ai nanerottoli di casa, per intrattenerli e divertirli.

Sopratutto, progetti che riciclano materiali di scarto della vita quotidiana, che finirebbero inevitabilmente nella differenziata, e che così guadagnano un altro scopo e qualche giorno in più di vita.

E che presentano lavoretti dai risultati graziosissimi, contrariamente ad altri manuali che ho visto e che mi hanno fatto sanguinare le cornee per l’orrore dei risultati proposti. >.<

Un volume da sfruttare in ogni pagina, godendosi poi i coloratissimi risultati.

Ringrazio l’editore per avermi concesso la copia necessaria alla stesura di questa recensione.